Dove la burocrazia funziona

On settembre 16, 2014, in Blog, by WM
Non è certo una novità che in "certi" paesi, neanche troppo a nord dell'Europa, le cose funzionino, non solo in generale, ma anche in modo specifico su qualcosa che da noi è sinonimo di pena, nel senso di seccatura: la burocrazia. Sembra di vivere in un mondo parallelo dove questa parola non fa paura perchè è sensata e ragionata, e senza essere macchinosa, ti agevola anzichè ostacolarti. In un paese a caso (la Svizzera), il tuo comune è quasi sicuramente molto vicino a casa tua e puoi arrivarci a piedi, oppure se sei molto pigro ci puoi andare anche in auto, tanto il parcheggio c'è sempre e proprio di fronte a dove devi andare. Quando entri negli uffici ti si spalanca sempre la bocca, anche dopo 10 volte: non c'è coda (mai!). Infatti ci sono pochissime sedie nella finta sala d'attesa, tanto non servono. Nell'ufficio trovi sempre ragazzi di 25, 30 anni e non vecchiette inacidite da anni di tediosi e maleducati cittadini. Quando hai bisogno di un qualsiasi documento in 5 minuti hai il tuo bel modulo con il timbro e se è qualcosa di più complicato come la patente plastificata, in 2 giorni lavorati (2!) te la ritrovi nella buchetta della posta. Per avere un documento insomma non devi prendere mezza giornata di ferie e diventa quasi un esperienza piacevole. Capisci che non butti i soldi dalla finestra quando paghi le tasse, che ad ogni modo sono basse. Per fare funzionare il tutto, ogni documento non è gratis ovviamente e un cambio di residenza costa anche 50fr oppure la patente quasi 80fr. Ma chi peferirebbe aspettare ore in fila oppure settimane per avere documenti, invece di pagare qualche rappen? E' un fatto di mentalità e putroppo non si cambia dall'oggi al domani. Anzi non vedo proprio via di scampo. Fino a quando la terra non esploderà colpita da un meteorite di grandissime dimensioni oppure quando il sole collasserà, oppure l'universo anzichè espandersi si contrarrà fino a diventare un enorme buco nero, la burocrazia in Italia non migliorerà.
Tagged with:  

Leave a Reply